Bonus alberghi 2021, credito d’imposta all’80% per strutture ricettive.

Con il bonus alberghi 2021 è previsto un credito d’imposta dell’80% per efficienza energetica, riqualificazione antisismica ed eliminazione barriere architettoniche.

Il bonus alberghi 2021 consente agli imprenditori del settore turismo di recuperare l’80% delle spese, attraverso credito di imposta, per interventi di riqualificazione antisismica, efficientamento energetico ed eliminazione delle barriere architettoniche.

Questo è quanto è stato inserito nel DL del 6 novembre per l’attuazione del PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza).

In questo articolo

Rientrano nel bonus anche altri interventi, se funzionali ai tre prima citati, e sono:

  • Manutenzione straordinaria
  • Ristrutturazione edilizia
  • Restauro e risanamento conservativo
  • Installazione di manufatti leggeri (anche prefabbricati)

Altri interventi ammessi

Oltre a quelli già menzionati possono rientrare nell’incentivo anche la realizzazione di piscine termali ed interventi di digitalizzazione (rete wi-fi, sito web, sistemi digitali di prenotazione/vendita servizi).

Pubblicità ed altre attività di promozione sono incluse tra le spese ammissibili, comprese consulenze in comunicazione e digital marketing, in particolare attività di promozione di progetti di inclusione sociale e di ospitalità per persone con disabilità.

Il contributo a fondo perduto cumulabile

A questa misura è cumulabile un contributo a fondo perduto, fino a 40.000 €, per la realizzazione degli interventi elencati in precedenza.

I requisiti per aggiungere questo incentivo sono la presenza di una quota pari almeno al 15% dell’investimento destinata a digitalizzazione ed efficienza energetica.

C’è inoltre la possibilità di cumulare ulteriori 20.000 € qualora il richiedente abbia i requisiti previsti per uno tra i bandi sull’imprenditoria femminile o sull’imprenditoria giovanile.

In più, possono ottenere 10.000 € le imprese turistiche delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Al di fuori di questi contributi a fondo perduto, il bonus alberghi 2021 non è cumulabile con incentivi pubblici aventi oggetto gli stessi interventi.

I beneficiari del bonus alberghi 2021

Possono richiedere il bonus:

  • alberghi,
  • agriturismi,
  • campeggi,
  • imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale
  • stabilimenti balneari
  • impianti termali
  • porti turistici
  • parchi tematici.

Finestra temporale della detrazione, risorse, e modalità

La detrazione dell’80% in forma di credito d’imposta è applicabile alle spese sostenute, per gli interventi ammissibili, dal 7 novembre 2021 al 31 dicembre 2024.

Entrambi gli incentivi, sia il bonus alberghi che il contributo a fondo perduto, saranno concessi fino ad esaurimento risorse, che ammontano a 100 milioni di euro per il 2022 e 180 milioni sia per il 2023 che per il 2024. Il criterio di erogazione è cronologico, verranno quindi valutate le domande in ordine di presentazione fino ad esaurimento risorse.

Come per il superbonus 110%, il credito d’imposta sarà cedibile a terzi, soluzione utile a minimizzare gli investimenti iniziali sui progetti finanziati.

Il ministero del Turismo pubblicherà l’avviso con le modalità di accesso al bonus alberghi 2021 entro 30 giorni dall’entrata in vigore del DL.

Sei un imprenditore del settore turismo e interessato al bonus?

Risen ha oltre 40 anni di esperienza nell’efficientamento energetico, con soluzioni chiavi in mano.

Siamo in grado di supportare le imprese del settore turismo in ogni fase del progetto, dalla progettazione alla produzione documentale necessaria all’accesso agli incentivi.

Compila il form sottostante per maggiori informazioni.


    Lascia un commento